Menu Cerca una ricetta, una parola chiave, un ingrediente...

Più di 20 000 deliziose ricette!

Collegati via Facebook Chiudi ricerca

L'intervista di Bianca Maria Bellei



Intervista realizzata da Federica Intervista realizzata da Federica

Abbiamo intervistato Bianca Maria Bellei!

Visita il blog: Fatemi cucinare.


Scopri il suo profilo



Ciao Bianca Maria Bellei, raccontaci...


Cosa ti ha spinto ad aprire il tuo blog ?


Cucinare è una passione che fa parte da sempre di me. Aprire il blog è stato come dirlo ad alta voce, prima a me stessa, poi agli altri.La vita fa giri meravigliosi per portarci a noi stessi, per portarci a riconoscere chi siamo e cosa amiamo.

Come è cominciata la tua storia d'amore con la cucina ?


Sono nata da genitori emiliani. La semplice preparazione del brodo della domenica faceva parte della santificazione della festa. Non potevo non amare il cibo e la sua creazione.

Come definiresti la tua cucina ?


Non ho un'identità precisa come cuoca. Mi piace spaziare ovunque: cucina tradizionale, regionale, europea, cucina stellata. Certo, ho anche questo ardire ma credo che per imparare si debba andare a scuola dai grandi maestri. Non si riusciranno a replicare i loro capolavori ma qualche idea, spunti interessanti, nuove tecniche, possono arricchire il nostro bagaglio culinario. Quello che però vuole essere la mia cucina, non è una cucina delle grandi occasioni, è una cucina del quotidiano: trattarsi bene tutti i giorni e trattare bene tutti i giorni i nostri clienti più prossimi, i nostri familiari.

Cosa ti seduce in una ricetta ?


Se la ricetta è scritta, sicuramente l'aspetto, vederla mi aiuta molto. Se ho il piatto davanti mi lascio portare dai sensi: prima la vista, poi l'odorato, lascio che i profumi salgano ed entrino, penso al lavoro che ha portato a tutto questo e poi, con rispetto, assaggio. Lentamente assaporo le consistenze e se è amore, il tutto finisce con un "Voglio rifarlo anch'io!".

Partecipi molto spesso a dei contest dedicati ai foodbloggers. Cosa cerchi di trasmettere al pubblico attraverso le tue ricette?


Partecipo ai contest d cucina, mi piacciono molto perché mi suggeriscono spunti nuovi per creare ricette, per una nuova composizione di ingredienti. In tutta onestà devo però dire che non ho mai vinto! Povera cuoca incompresa! Scherzo, mi piace cucinare e tanto mi basta. Cosa voglio trasmettere? Che siamo al mondo per stare bene e questo possiamo farlo anche cucinando.

Nel tuo blog hai pubblicato una ricetta che ha da subito attirato la mia attenzione: le "tortine al doppio cioccolato e albicocche" una meraviglia per gli occhi e sicuramente anche per il palato. La preparazione è stata difficile? Che consiglio daresti a chi vorrebbe realizzare la tua ricetta?


Questa ricetta è molto semplice, nessun timore. Il consiglio, se possibile, usare ingredienti di qualità. Sono la prima a cercare di non spendere troppo e ad ottimizzare i miei acquisti ma un cacao che ti apre il cuore e un burro che profuma di Heidi, non li paga nessuno!

Qual è l'utensile culinario o l'ingrediente dal quale non ti separeresti mai ?


La mia planetaria, regalo prezioso di mio marito che non mi fa mai mancare tutto ciò che asseconda la mia passione: attrezzi, libri, corsi. E' vero amore!

Qual è il tuo sogno culinario nel cassetto?


Cucinare, davvero solo cucinare e riportare poi le mie ricette, che sono la storia delle mie giornate, sulla carta.
Ho una formazione umanistica e i libri hanno sempre avuto per me un grande fascino. Sono gli amici che mi hanno aperto a tante conoscenze, che mi hanno dato risposte quando non le trovavo da nessuno. E poi un libro si tocca, si annusa, si accarezza. E' come toccare un amico, sentire la sua presenza. Mi piacerebbe che fosse la carta a trasmettere la mia cucina.

Per te cucinare è....


Essere me stessa, senza timore che il cucinare sia un modo "minore" di vivere la vita. Si può rendere il mondo un posto migliore anche partendo dalla propria cucina.

Un'ultima parola o un messaggio per i nostri lettori ?


Se cucinare vi crea e ricrea, fatelo, dedicateci del tempo, non fermatevi agli insuccessi. Cucinare rende umili perché a volte occorre provare e riprovare. Cucinare rende rispettosi degli altri, dietro un profumo creato c'è tanto lavoro. Cucinare crea legami, quelli che ci sostengono. Cucinare dice a se stessi di essere capaci e questo fa procedere nella vita a passo sicuro! Buone ricette a tutti!



Grazie Bianca Maria Bellei per aver risposto alle nostre domande. A presto!
Articolo Pubblicato da Federica - 06/08/2014



Se sei un blogger o uno chef, se lavori nel settore alimentare o hai un sito web sulla cucina e l'alimentazione e desideri condividere le tue ricette con la nostra community, per favore contattaci!
Saremo lieti di valorizzarti sul nostro sito.

Commenta questo articolo