Menu Cerca una ricetta, una parola chiave, un ingrediente...

Più di 20 000 deliziose ricette!

Collegati via Facebook Chiudi ricerca

L'intervista di La Taverna degli Arna



Intervista realizzata da Federica Intervista realizzata da Federica

Abbiamo intervistato La Taverna degli Arna!

Visita il blog: La Taverna degli Arna.


Scopri il suo profilo



Ciao La Taverna degli Arna, raccontaci...


Cosa ti ha spinto ad aprire il tuo blog ?


Ho sempre cucinato per amore. Per la mia famiglia, per gli amici e per chi me lo chiedeva. E' il mio modo di esprimere affetto, il mio linguaggio non verbale. Cucinare mi fa stare bene e mi rende felice e per molto tempo, chi mi sta vicino, mi proponeva di aprirlo ma sono sempre rimasta perplessa fino a quando ho preso questa decisione. Vivo quotidianamente in un vortice di stress e negatività e grazie al mio blog ho scoperto un nuovo mondo. Grazie a chi mi segue ho instaurato un rapporto di amicizia e di scambio, di dialogo e di energia positiva.
Quasi due anni fa ho avuto un brutto episodio di allergia che mi ha poi fatto scoprire diverse intolleranze. Stando a quanto mi dicevano i dottori non potevo mangiare un granché. Da quel momento ho trasformato il mio modo di cucinare ed interpretare i piatti scoprendo una nuova realtà. Dalla necessità ho guadagnato ispirazione e ha scatenato la mia creatività. Grazie a tutte le restrizioni ho cambiato stile di alimentazione e ho imparato a rendere invitante a appagante un piatto semplice e naturale. Ed è questo che voglio condividere con gli altri, e non solo con chi mi sta vicino. Si può mangiare bene, in modo allettante, gustoso, sano e naturale e non necessariamente cotto!

Come è cominciata la tua storia d'amore con la cucina ?


Da bambina la cucina era regno incontrastato della mia mamma. Mi affascinava e, a volte quando ero a casa da sola, "violavo" il territorio in sua assenza sperimentando piatti semplici e sopratutto i dolci, di cui sono sempre stata golosa. Crescendo, mia mamma mi permetteva di aiutarla e mi spiegava le preparazioni. Da li ho iniziato a cucinare quando c'erano ospiti e, per necessità, per tutta la famiglia. Ma la passione si è scatenata quando, sposandomi, ho avuto una cucina tutta mia. Il mio regno personale. Ho iniziato a fare esperimenti, a provare nuovi accostamenti e a divertirmi sul serio. Ho partecipato a diversi corsi, frequentando delle scuole di cucina, per imparare e migliorare la tecnica. Non mi sono più fermata.

Come definiresti la tua cucina ?


Semplice, accattivante ed eclettica. La mia cucina è sana e naturale ma non per questo monotona o insapore. Ciò che mostro è ciò che realmente mangio e che propongo alla mia famiglia e agli amici che mi vengono a trovare. E' una cucina quasi sempre veloce, per chi non ha tempo di stare troppo in cucina, ricca di gusto e creatività.

Cosa ti seduce in una ricetta ?


Sono sempre stata convinta che prima di tutto si mangia con gli occhi. Pertanto mi affascina la presentazione del piatto che per me deve essere pulita, semplice, concreta e seducente. Il piatto mi deve mostrare come è composto. E poi si mangia con il naso. Il suo profumo mi deve inebriare ed invitare ad assaporarlo.
I colori, i profumi e la semplicità.

Qual è la più bella esperienza che hai fatto grazie al tuo blog ?


L'esperienza più bella deve ancora venire. Ogni giorno è entusiasmante quando, aprendo il blog, trovo i messaggi di chi ha provato una mia ricetta o mi da un suo parere. Ho iniziato a partecipare a delle iniziative mensili in cui si propongono ricette a tema. Credo che queste siano le cose più belle, perché mi hanno permesso di conoscere tante persone, di condividere e di avere momenti di scambio e di crescita.

Perché hai scelto il nome « la taverna degli Arna» come titolo del tuo blog? Questo titolo ha un significato speciale per te?


Si, per me il nome ha un significato speciale. Gli Arna siamo noi: mio marito, mio figlio ed io. Tutti ci chiamano L'Arnafamiglia, con l'arnapapy e l'arnababy. La nostra auto è l'arnamacchina e così via. Da qui la scelta di Arna. Inoltre, alla fine, ho coinvolto anche mio marito in questa mia avventura. Lui cura le fotografie e pertanto, a maggior ragione non poteva che chiamarsi Arna. Grazie al blog abbiamo scoperto una nuova sintonia e condivisione. Nella vita ci siamo sempre completati a vicenda ed ora lo facciamo anche sul blog.
Il mio blog rispecchia la mia vita e ciò che vivo. Doveva rappresentare ciò che è realmente la mia cucina, e pertanto l'ho voluta chiamare Taverna. La Taverna rappresenta per me il luogo ideale e accogliente, semplice e intimo.
In un nome c'è racchiuso tutto il mio blog.

Sei una mamma e lavoratrice a tempo pieno. Avresti una ricetta da consigliare a tutte le mamme?


Io sono una mamma che lavora pressantemente con poco tempo a disposizione. Grazie ai nonni e a chi mi sta vicino riesco a far funzionare questo equilibrio casalingo sempre in bilico tra i vari impegni. Sono fortunata, poi ,perché ho un bimbo che ama mangiare di tutto. Adora le verdure e la frutta, per cui parto avvantaggiata.
Per chi non ha molto tempo consiglio di preparare un bel cuscus con le verdure e i legumi.
La ricetta? In un tegame metter un filo d'olio e uno scalogno tagliato finemente. Far appassire e aggiungere le verdure tagliate a piccoli tocchetti (carote, peperoni, fagiolini e zucchine). Cuocerle per pochi minuti facendole saltare e allungando con poco brodo vegetale. Aggiungere il cuscus (precotto per fare prima) e un cucchiaino di curcuma. Coprire con altro brodo vegetale caldo a filo. Quando tutto il liquido si sara' assorbito, aggiungere i ceci, già lessati, le uvette precedentemente ammollate in acqua e i pinoli. Sgranare il cuscus con una forchetta, aggiustare di sale e pepe a piacere e amalgamare bene. Servire e buon appetito!

Qual è stata la tua più grande sfida culinaria ?


Non saprei. Sicuramente cucinare un pranzo completamente vegano che mi è stato commissionato per un evento. L'ansia perché tutto fosse perfetto, considerando il contesto per cui cucinavo, è stato sicuramente sfidante.

Per te cucinare è....


Amare. E' passione, impegno e dedizione ma soprattutto è gioia e divertimento. E' trasmettere, comunicare e condividere.

Un'ultima parola o un messaggio per i nostri lettori ?


Nella mia cucina, su una parete , c'è questo messaggio:

« Bisogna sempre essere ubriachi. Tutto qui: è l'unico problema. Per non sentire l'orribile fardello del Tempo che vi spezza la schiena e vi tiene a terra, dovete ubriacarvi senza tregua. Ma di che cosa? Di vino, poesia o di virtù : come vi pare. Ma ubriacatevi. »
(C. Baudelaire, Lo Spleen di Parigi.)
E' l'augurio che mi rivolgo ogni mattina ed e' l'augurio che dedico a tutti coloro che passano a trovarmi.



Grazie La Taverna degli Arna per aver risposto alle nostre domande. A presto!
Articolo Pubblicato da Federica - 24/04/2014



Se sei un blogger o uno chef, se lavori nel settore alimentare o hai un sito web sulla cucina e l'alimentazione e desideri condividere le tue ricette con la nostra community, per favore contattaci!
Saremo lieti di valorizzarti sul nostro sito.

Commenta questo articolo