Menu Cerca una ricetta, una parola chiave, un ingrediente...

Come guarire una pianta di basilico dal troppo sole e dal troppo calore

Con il gran caldo e il tanto sole di quest'estate molti di noi avranno avuto qualche difficoltà con le proprie piante in vaso.
Quest'ultime possono essere appassite, seccate o addirittura morte. Ecco come prendersi cura di loro e riportarle in salute

Con il gran caldo e il tanto sole di quest'estate molti di noi avranno avuto qualche difficoltà con le proprie piante in vaso.
Quest'ultime possono essere appassite, seccate o addirittura morte...

Una delle piante più delicate e più amate in cucina è senz'altro il basilico. Quest'ultimo ha bisogno di tanta acqua e di tanto sole per crescere in modo sano e, qualora sia in diffcioltà ecco cosa fare.

Come rimettere in forma una pianta di basilico

Oltre all'amore e a qualche parola gentile, che alle piante non devono mai mancare, ecco come procedere:

1. occorre esaminare le radici della pianta, togliendola quindi dal terriccio ed eventualmente spuntandone le parti più secche.
È da queste che assorbe l'acqua ed è da qui che occorre iniziare il nostro intervento

2. quando il terreno è secco sembra che si distacchi dal vaso. E' un normale effetto della disidratazione. Aiutandovi con un oggetto appuntito cercato di muoverlo e ridistribuirlo lungo tutta la superficie del vaso. Aiuterete la circolazione dell'acqua quando rinnaffierete la pianta

3. immergete la pianta in una bacinella o nella vasca da bagno in modo che venga somersa d'acqua. Fate attenzione che non galleggi (magari applicatele un peso per farla restare sott'acqua) e che espella tutta l'aria che potrebbe essere rimasta nel terriccio (vedrete delle bollicine salire)

4. tenete la pianta in ammollo fino a che non cesseranno le bollicine

5. vi consigliamo di mantenere la pianta a mollo 30 minuti circa ancora, affinchè il terrenno non sia saturo d'acqua

6. estraetela dalla vasca e attendete che smetta di sgocciolare prima di ri-portarla sul sottovaso

7. l'acqua nella quale la immergerete dovrà essere a temperatura ambiente

8. aiutandovi con un paio di forbici eliminate le parti secche (radici, foglie e anche fiori se presenti) per fare in modo che la pianta utilizzi il nutrimento solo per le parti sane. Se possibile spruzzate un po' d'acqua ossigenata sulle foglie e passatevi poi un panno pulito

9. fino a che non si sarà ripresa, lasciate la pianta in un luogo ombreggiato piuttosto che al sole direttamente

10. alcuni esperti consigliano, dopo le operazionid'ammollo, potatura e di "dressage delle foglie" di mettere la pianta in un sacchetto di plastica grande il giusto per contenerla. Questo preserverebbe l'umidità del fogliame e darebbe il tempo alle radici di riposizionarsi e di crescere nuovamente. Se proverete, lasciatala nel sacchetto per 2-3 giorni ed in un luogo fresco e ombreggiato


Per chi parla inglese proponiamo anche un veloce tutorial video, lo trovate qua sotto

Scopri gli altri articoli della Tribù!



Tecniche di cucina

Involtini di pesche al forno, un antipasto dal gusto inedito

La pesca è un frutto che si sposa benissimo anche con i cibi salati. Questa ricetta, perfetta da servire come antipasto o come aperitivo, è veloce da preparare e stupirà i vostri ospiti. L'accordo delle pesche con la pancetta è davvero inedito. Anche i più scettici si ricrederanno. 

 

INGREDIENTI:

 

  • 4 pesche
  • 8 fettine di pancetta 
  • Glassa all'aceto balsamico
  •  16 foglioline di basilico

 

PROCEDIMENTO:

 

Tagliate le pesche in quarti. Appoggiate una fogliolina di basilico su ogni  fettina di pesca.  Arrotolate la pancetta intorno ad ogni fettina di pesca. Fate cuocere in forno per circa 10 minuti a 180°, o fino a quando la pancetta sarà croccante.

Decorate con la glassa all'aceto balsamico e servite immediatamente. 

 

 

 

 

Commenta questo articolo

Con questo sbiancante naturale da fare in casa dite addio ai cuscini ingialliti Prendersi cura del proprio metabolismo = dimagrire stando meglio