Menu Cerca una ricetta, una parola chiave, un ingrediente...

Come liberarti dall'insonnia e dormire bene

Seguendo queste raccomandazioni potrete ritrovare un sonno di qualità, necessario per una vita equilibrata. Spesso il sonno che manca è qualcosa di davvero fastidioso, soprattutto se la cosa si ripete per più di 2 notti di seguito. 

Insonnia: un disturbo diffuso

Insonnia: un disturbo diffuso

È stato rilevato che circa il 15% degli esseri umani soffre di disturbi del sonno, altrimenti chiamati insonnia.
L'organizzazione mondiale della sanità ha stabilito che 8 ore è il tempo di riposo necessario per un recupero ideale delle energie psico-fisiche.

Quando questo non avviene, specialmente se non avviene continuativamente, la nostra salute ed il nostro umore possono risentirne.
Dormire bene è molto importante, cercheremo quindi di spiegarvi perché l'insonnia si manifesta e, soprattutto, come liberarsene e ritrovare un sonno finalmente ristoratore.

Le cause dell'insonnia

Le cause dell'insonnia

Le cause principali dell'insonnia sono state identificate. Conoscerle significa trovare le soluzioni al problema e, quantomeno, trovare un modo per limitarlo.


1. STRESS
Sempre lui! Origine e acceleratore di molti disturbi di salute, lo stress e l'agitazione collegata non aiutano certo a riposare bene.
Una persona che non sa limitare il proprio stress rischia di soffrire d'insonnia cronica.

2. ASMA
Ricercatori dell'Università di Pittsburgh hanno dimostrato la correlazione tra persone insonni e persone con problemi d'asma.
Il 37% degli asmatici  ha sviluppato una forma d'insonnia. Gli stessi ricercatori hanno segnalato infatti l'importanza di curare l'insonnia.

3. INFARTO
Le persone che hanno avuto un infarto sono più a rischio di sviluppare una forma cronica d'insonnia.
Questo è dovuto a diversi fattori, tra cui un maggiore sforzo psicologico, un eventuale dolore fisico ed una ridotta attività fisica e motoria.

4. ALCOL
Non fate finta di niente! Uno studio della prestigiosa John Hopkins University dimostra come le persone che bevono alcol più di 2 volte a settimana hanno il 200-230% di possibilità in più di dormire male, o di non dormire, rispetto a chi beve acqua.
Naturalmente meno si beve e meno si rischia.

5. SISTEMA IMMUNITARIO DEBOLE
Il sistema immunitario può influenzare la qualità del sonno. Credere che quando siamo malati dormiamo di più è, a volte, un errore che facciamo.
In realtà lo studio del Dott. Mallon dell'Università di Leicester dimostra che un sistema immunitario debole può peggiorare anche la qualità del sonno.

6. BEVANDE ENERGETICHE
Il consumo di queste bevande è molto cresciuto negli ultimi anni. Diversi studi effettuati hanno evidenziato sia gli aspetti positivi (resistenza ed attenzione maggiori) e quelli negativi, tra cui un maggiore nervosismo e sviluppo d'insonnia.
Questo è dovuto al grande quantitativo di caffeina contenuta al loro interno.

7. MENOPAUSA
Se siete donna è un aspetto da tenere in considerazione. Un recente studio della Pennsylvania State University ha analizzato più di 3.300 donne in menopausa: un terzo di loro soffriva d'insonnia. Ci sono quindi importanti evidenze statistiche che collegano questo particolare passaggio biologico e l'insonnia.

8. GUARDARE SERIE TV (O ANCHE SOLO LA TV/SMARTPHONE/TABLET)
Guardare uno schermo prima di dormire disturba profondamente il sonno su due livelli: 
Il primo è prettamente biologico e riguarda l'impossibilità del corpo di  rilasciare gli ormoni del sonno, quando a contatto con una luce aggressiva e innaturale come quella della TV o del PC. Il secondo è di ordine psicologico: soprattutto i più giovani s'immedesimano con le serie o con i film guardati. Se le emozioni sono quindi negative o fonte di stress influiranno sulla qualità del riposo.
Prolungare quest'abitudine significa esporsi al rischio d'insonnia cronica.

COSA AIUTA A DORMIRE MEGLIO

COSA AIUTA A DORMIRE MEGLIO

Moltissimi studi in tutto il mondo hanno identificato molti rimedi all'insonnia, oltre a comportamenti che migliorano anche altri aspetti della nostra vita.

1. YOGA
Il Group Research Institute di Seattle ha effettuato uno studio su 249 persone affette da insonnia. Queste persone hanno praticato yoga per 3 mesi, incrementando notevolmente la qualità del sonno. Lo yoga è eccezionale nell'abbattere i livelli di stress e depressione e nel favorire un miglior riposo fisico.

2. ERBE
Esistono diverse piante che possono migliorare la qualità del sonno. Tra queste ci sono la valeriana, il luppolo e la camomilla.  

Impiegare queste erbe in cucina o per delle tisane non rappresenta un rischio collaterale, trattandosi di prodotti naturali. Evitate inoltre cibi troppo speziati prima di andare a letto.

3. BERE SUCCO DI CILIEGIA
Una ricerca dell'Università dello Stato della Louisiana ha evidenziato che bere succo di ciliegia 2 volte al giorno per 2 settimane contribuisce ad aumentare il sonno di 90 minuti negli anziani . Questo avviene perchè le ciliegie sono ricche di melatonina, l'ormone che aiuta a regolare il ciclo sonno-veglia.

Bevete questo succo ed evitate le bevande che contengono caffeina, specialmente alla sera.

4. MEDITAZIONE
Similarmente allo yoga anche la meditazione risulta essere estremamente efficace nell'abbattere stress e tensioni, favorendo un deciso miglioramento della qualità del sonno.

5. POSIZIONE DEL CORPO QUANDO DORMI
La posizione del corpo quando dormiamo ha effetti diretti sulla qualità del sonno.
Evitate quindi di dormire a pancia in giù ma favorite invece la posizione laterale, sul fianco sinistro per la precisione. Si tratta della posizione che più d
i tutte è in grado di facilitare il drenaggio linfatico dal cervello favorendo una migliore digestione. Provatela quindi e probabilmente noterete un cambiamento positivo.


Ci raccomandiamo, prendetevi cura del vostro sonno, ne va della qualità della vostra vita.

Scopri gli altri articoli della Tribù!



Commenta questo articolo

Se non ti senti al top, potrebbe trattarsi di celiachia. Scopri come capirlo! Dieta dell'estate a base di yogurt, per perdere 3 kg in pochi giorni