Menu Cerca una ricetta, una parola chiave, un ingrediente...

Le rame di Napoli, i dolcetti di Catania più amati di sempre

Le rame di Napoli: dei biscottini morbidi al cacao , ricoperti di glassa al cioccolato e cosparsi di granella al pistacchio. Questi dolcini vengono preparati solitamente per il 1 novembre e la tradizione vuole che siano regalati ai bambini dai parenti defunti. 

© Instagram- vaeia

l'origine di questo nome curioso: le prime due ipotesi

Perché si chiamano 'di Napoli', se di fatto questi biscotti sono originari di Catania? Ci sono ben 3 spiegazioni ed ipotesi plausibili, tra le più accreditate: sembra che il pasticciere che ha inventato il mitico dolcetto fosse di Napoli; la seconda ipotesi vede le rame come un omaggio della Sicilia a Napoli (durante il Regno delle Due Sicilie); la terza ipotesi è la più sostenuta: si pensa che le rame di Napoli siano state inventate subito dopo la nascita di una nuova moneta in rame, nata con l'unione del Regno di Napoli e del Regno di Sicilia. Il delizioso dolcetto sarebbe la rappresentazione di questa moneta. 


Scopri gli altri articoli della Tribù!



Tecniche di cucina

Pain perdu alla banana e cioccolato

INGREDIENTI:

  • 6 fette di pane raffermo
  • 3 banane
  • 3 uova
  • 20 cl di latte
  • 1 cucchiaio di cannella in polvere
  • 1 cucchiaino di estratto di vaniglia
  • 150g di gocce di cioccolato

 

PROCEDIMENTO:

 

Tagliate il pane a cubetti, mettete sulla placca del forno ed infornate per 5 minuti a 180°. Schiacciate le banane in una ciotola ed unite le uova sbattute. Mescolate ed unite il latte,  la cannella e la vaniglia alla crema. Unite i pezzi di pezzi di pane tostato, le gocce di cioccolato e mescolate bene. 

Versate la preparazione negli stampini da muffins e far cuocere per 20 minuti a 180°.

 

 

Commenta questo articolo