Menu Cerca una ricetta, una parola chiave, un ingrediente...

La leggenda della sfogliatella napoletana

La leggenda della sfogliatella napoletana

Due tipi di sfogliatelle : una più buona dell'altra…

La sfogliatella esiste in due versioni : sfogliatella riccia e sfogliatella di frolla. La storia delle sfogliatelle è antichissima : si dice che risalga al 1600. Sembrerebbe che la nascita delle sfogliatelle ricce si debba ad una suora di un monastero di Napoli, il Croce di Lucca. Tuttavia, la ricetta della sfogliatella dell'epoca, come d'altronde quella della pastiera napoletana era molto povera e non prevedeva ricotta. I conventi si davano da fare per prendere per la gola i personaggi importanti della città, dai quali potevano ricevere benefici e favori. Ecco perché i conventi all'epoca « sfornavano » letteralmente delle delizie. Col tempo, i segreti della sfogliatella uscirono dal convento in cui nacque, arrivando al convento di Santa Rosa sulla Costiera Amalfitana. Le monache di questo convento apportarono alcune modifiche alla ricetta, aggiungendo la farcitura con la ricotta di Agerola,la crema e le amarene.

Dai conventi a patrimonio della napoletanità e dell'Italia intera…
La leggenda narra che una novizia del convento inizio' a frequentare un giovane pasticciere, e fu cosi' che la ricetta esclusiva delle sfogliatelle si diffuse. Il giovane elimino' lo strato di crema pasticcera ed amarene che ricopriva le sfogliatelle, tornando in un certo qual senso alla ricetta degli albori. L' identità del pasticciere misterioso sembra essere incerta : secondo alcuni si tratterebbe di Pintauro, il famoso pasticciere di via Toledo .

Come preparare una perfetta sfogliatella riccia
Siete pronti a preparare la sfogliatella riccia ? Non è semplicissimo, ma con pazienza e dedizione, grazie alla nostra ricetta potrete realizzare la vera sfogliatella riccia napoletana.

Ingredienti :
- 400 g di farina 00
-250 g di ricotta
-200 g di zucchero a velo
- 150 g di semolino
- 150 g di canditi misti
- 50 g di zucchero semolato
- 170 g di burro
- 1 uovo e 2 tuorli
- essenza di vaniglia
- cannella
- un pizzico di sale

Mettete la farina in una ciotola, aggiungete il burro morbido a pezzetti, lo zucchero,un pizzico da sale e dell'acqua, quanto basta a rendere l'impasto sodo ed elastico. Una volta formata una palla, lasciate riposare l'impasto per un'ora in un luogo fresco e lontano da correnti d'aria. Mettete a bollire un pentolino con 500 ml di acqua salata e versate il semolino : fatelo bollire per 5 minuti, mescolando continuamente, poi spegnete. Versate il semolino in una terrina ed incorporate la ricotta, 150 g di zucchero a velo, i canditi, un pizzico di cannella e 2 gocce di aroma vaniglia. Mettete il composto a riposare in frigorifero.
Sciogliete 50 g di burro. Ora stendete la pasta sul piano di lavoro infarinato, cercando di renderla il più sottile possibile e di forma rettangolare. Tagliate la pasta in 4 pezzi, spennellate con il burro fuso e sovrapponeteli l'uno sull'altro. Lasciate riposare per una mezz'ora. Ora arrotolate stretti i fogli di pasta sovrapposti, formando una sorta di rotolo. Eliminate le estremità del rotolo con un coltello e tagliate a fette di 1 cm di spessore. Appiattite con il matterello ogni fetta di pasta, stendendo a partire dal centro e andando verso sinistra in alto. Cosi' facendo otterrete una sorta di losanga su cui verserete un cucchiaio di ripieno. Piegate in due e sigillate bene i bordi, poi depositate ogni sfogliatella su una teglia da forno ricoperta di carta forno. Spennellate le vostre sfogliatelle con il tuorlo d'uovo sbattuto e fate cuocere per 20 minuti in forno caldo a 200°. Abbassate la temperatura a 180° e fate cuocere per altri 20 minuti. Ora regolatelo a 160° e fate cuocere per 10 minuti. Spolverizzate di zucchero a velo e servite calde.

Se preferite la morbidezza, preparate la sfogliatella frolla…

Ingredienti  per 6 persone :
- 300 g di farina
- 150 g di strutto
- 120 g di zucchero
- 200 g di semolino
- 200 g di ricotta
- 175 g di zucchero a velo
- 100 g di scorze d'arancia candita
- 1 bustina di vanillina
-1 uovo


Preparate la pasta sfoglia con la farina, lo strutto a pezzetti e lo zucchero ; fate bollire 500 ml di acqua con un pizzico di sale e versate il semolino, che farete cuocere per 15 minuti, continuando a mescolare per evitare che attacchi. Mescolate la ricotta assieme allo zucchero a velo, la vanillina, l'uovo, le scorzette candite ed il semolino freddo. Stendete la pasta frolla sulla spianatoia e ricoprite una tazzina con la pasta, poi mettete al centro un cucchiaio di ripieno, piegate in due e sigillate bene i bordi. Ritagliate la pasta con il tagliapasta, sistemate le sfogliatelle sulla placca del forno ricoperta di carta forno e spennellatele con tuorlo sbattuto. Infornate in forno caldo a 180° per una ventina di minuti. Servite calde spolverando di zucchero a velo.



Scopri gli altri articoli della Tribù!



Tecniche di cucina

Lo strudel di mele veloce da preparare e buonissimo

INGREDIENTI:

  • Un rotolo di pasta sfoglia
  • 1 mela
  • Una ciotolina di uvetta 
  • 1 cucchiaio di farina di mandorle
  • 1 cucchiaio di farina
  • 1 cucchiaio di zucchero di canna
  • 1 cucchiaio di cannella
  • Un tuorlo d'uovo
  • Zucchero a velo
  • Caramello liquido (facoltativo) 

 

PREPARAZIONE:

 

Preriscaldate il forno a 180°. Tagliate la mela a fettine fine. Mescolate in una ciotola l'uvetta, la farina di mandorle, lo zucchero di canna, la farina  e la cannella. Stendete il rotolo di pasta sfoglia e aggiungeteci le mele al centro. Con un coltello appuntito, tagliate la pasta  su ogni lato delle mele. Fate dei tagli sulla superficie, distanziati di 2 cm l'uno dall'altro. Iniziate ad intrecciare  la pasta partendo dalle estremità e portandole verso il centro, accavallando le bande di pasta. 
Spennellate con un tuorlo d'uovo. Infornate per 35 minuti a 180°. Spolverare con zucchero a velo e versate un po' di caramello liquido per decorare. 

 

 

Commenta questo articolo

TripAdvisor pazzo per la schiacciata toscana : il locale più recensito al mondo è fiorentino Le 3 regole d'oro delle coppie che durano