Menu Cerca una ricetta, una parola chiave, un ingrediente...

Più di 20 000 deliziose ricette!

Collegati via Facebook Chiudi ricerca

Il cheesecake crumble ai mirtilli

Google Ads

Il cheesecake crumble ai mirtilli

INGREDIENTI: 

Per la base:
130 g di biscotti  tipo Digestive tritati fini

30 gr di biscotti Digestive tritati grossolanamente
60 g di burro


Per la crema:
125 g di mirtilli freschi
125 ml di panna fresca per dolci
1 foglio di gelatina
500 g di formaggio spalmabile tipo Philadelphia
160 g di zucchero a velo
1/2 cucchiaino di estratto di vaniglia o 1/2  bustina di vanillina

PROCEDIMENTO:

Frullate i biscotti e riduceteli in polvere, quindi unite il burro fuso e mescolate bene. Stendete la base in una pirofila, quindi livellate bene e mettete in frigorifero per 30 minuti. 
Mettete in una ciotola il formaggio spalmabile e lo zucchero a velo, montate con le fruste elettriche per qualche minuto, quindi unite 100 gr di panna montata e l'estratto di vaniglia. Mescolate bene fino ad avere una crema spumosa. 
Riscalda la panna rimanente e scioglici dentro l'altro foglio di gelatina. Distribuisci questa crema sulla base di biscotti, unisci anche i mirtilli interi, quindi distribuisci i biscotti tritati grossolanamente.  Fai raffreddare in frigorifero per almeno 4 ore prima di servire. 





 

Scopri gli altri articoli della Tribù!



Tecniche di cucina

Crumble di mele

Fate sciogliere in un pentolino 20 g di burro. Versate una mela tagliata a cubetti e, a piacere, un cucchiaino di cannella. Aggiungete anche 20 g di zucchero, mescolate e unite il succo di mezzo limone. Una volta che le mele saranno caramellate, toglietele dal fuoco. A parte, in una ciotola, mescolate 40 g di farina con 20 g di zucchero e 30 g di burro morbido. Lavorate l'impasto con la punta delle dita fino ad ottenere un composto sbriciolato. Fate cuocere il vostro crumble in un pentolino antiaderente e, quando sarà dorato, versatelo sulle mele.

Commenta questo articolo

Questo SEMPLICE gesto GONFIERÀ IL TUO SENO ALL'ISTANTE 5 CAUSE NASCOSTE CHE PROVOCANO LA RITENZIONE IDRICA