Menu Cerca una ricetta, una parola chiave, un ingrediente...

L'uva

 

uva

Con l' autunno, ecco che arriva la stagione dell'uva da tavola. Questo frutto cosi`generoso, capace di darci sia a mangiare che a bere. Non importa il colore dell'uva ma la sua la croccantezza e freschezza, il suo essere dolce e deliziosamente acida allo stesso tempo.

Si comprano

Al mercato, giudicando e scegliendo l'uva facendo riferimento a questi preziosi consigli. Scegliete sempre l'uva più sana e rigida al tatto. L'acino deve essere duro e paffuto, la taglia omogenea e uniformemente colorata. Questo è un segnale importantissimo perché dopo essere stata colta l'uva non matura più quindi se l'uva che avete davanti non corrisponde a queste caratteristiche meglio non acquistarla.

Si mangiano

Dopo averle sciacquate, potete degustarle alla fine del pasto. Amate il dolce-salato? Mangiatele con il formaggio o inseritela in una insalata di riso, di mais o di carote. Oppure mettete in una padella gli acini d'uva con un po di burro e serviteli con del pesce o con della carne (con il pollo è un gran classico.

Conservazione

 A temperatura ambiente per una consumazione rapida. L'uva puo`anche essere riposta in frigorifero per 3-4 giorni, meglio se in sacchetto di plastica.

Potete anche congelare gli acini mettendoli in un sacco speciale per la congelazione per poi riutilizzarli nella preparazione delle vostre ricette.

La forma

Gli acini dell'uva bianca sono grandi, duri e croccanti. Quelli dell'uva nera sono più piccoli e leggermente allungati.

Il colore

Bianca, giallognola e nera, violacea.

Il gusto

Dolce e leggermente acida a seconda delle varianti. La bianca è conosciuta per i suoi aromi fruttati e la nera, più per i suoi sapori di miele e di fiori.

La polverina

Contrariamente a cio`che si pensa la polverina biancastra che trovate sull'uva è una garanzia di freschezza. Infatti l'uva produce questa polverina per proteggersi dalla pioggia e dal calore. Allora polverina ben venga!

Consigli e astuzie dello chef

Cosa fare con l'uva secca?

L'uva secca è 4 volte più calorica che l'uva fresca.

Si conserva a lungo in luoghi fresci e asciutti in una scatola ermetica. L'uvetta puo`essere reidratata immergendola 30 minuti in acqua tiepida o nel té, prima di essere utilizzata nelle preparazioni di dolci e di piatti salati.

In versione calda: possiamo aggiungerla alla preparazione del coniglio al posto delle prugne oppure usarla nella preparazione dei spinaci in padella per addolcire l'acidità tipica di questo tipo di verdura.

In versione fredda: perfetta in una insalata di riso o con del cous cous o anche nella preparazione di una insalata mista con feta e cipolla. Se utilizzata nella preparazione di creme e marmellate l'uva secca apporta una nota dolce ai vostri piatti.

 

Non vi resta che scoprire tutte le ricette con l'uva!

 

Scopri gli altri articoli della Tribù!



Tecniche di cucina

Gli spiedini di frutta più originali che ci siano, facilissimi!

INGREDIENTI: 

  • Anguria
  • Mirtilli
  • Bastoncini di legno per spiedini 

 

PROCEDIMENTO

Prendi uno stampino da biscotti e ritaglia delle stelline da alcune fette di anguria. Inserisci 5 mirtilli in uno stecchino di legno, e termina con una stellina di anguria. Procedi allo stesso modo fino a terminare tutti gli ingredienti. 

Infila gli spiedini sulla calotta dell'anguria, dalla quale gli ospiti si serviranno direttamente. 

Commenta questo articolo

La pesca La fragola