Menu Cerca una ricetta, una parola chiave, un ingrediente...

Scoprite tutto sulle chiacchiere, le sfoglie fritte di Carnevale

Scoprite tutto sulle chiacchiere, le sfoglie fritte di Carnevale

Le chiacchiere di Carnevale sono il tipico dolce per eccellenza di questo periodo di festa e divertimento.  Di semplice preparazione, sono amate da tutti. I bambini le adorano per la loro semplicità: spolverate di zucchero a velo, fragranti e friabili, sono sinonimo di Carnevale a tutti gli effetti. Le chiacchiere rappresentano anche nella preparazione un momento di condivisione in famiglia: coinvolgete i vostri bambini, aiutatevi da loro ad impastare gli ingredienti e a stendere la sfoglia, (occupandovi pero' della frittura e preservando le loro manine dall'olio bollente!) ...regalerete loro uno dei più bei ricordi d'infanzia passati in vostra compagnia.

Le chiacchiere: Un ricordo d'infanzia per molti...
Quanti di voi hanno aiutato le loro mamme/nonne a preparare le chiacchiere?
Se vi visualizzate mentre impastate diligentemente uova e farina, dovete ammettere anche di aver rubato qualche pezzetto di impasto crudo, al riparo dagli occhi di vostra madre. Stendere la pasta era una responsabilità da "adulti", e spesso quando la si tirava troppo di rompeva; che frustrazione! Per non parlare del divieto di friggere o anche solo di avvicinarsi troppo alla padella in cui friggevano le chiacchiere. 
La visione delle prime bolle formatesi sulle chiacchiere, il profumo inconfondibile che si spargeva in cucina, le prime 5-6 sfoglie a cui non si lasciava neanche il tempo di intiepidire...Si capisce come le chiacchiere siano la madeleine proustiana di tanti di noi, uno dei più dolci ricordi legati alla nostra infanzia.

 Quanti nomi hanno le chiacchiere?
- In Lombardia: Chiacchiere e lattughe 
- In Toscana: cenci e donzelle

- In Emilia- Romagna: frappe e sfrappole
- in Trentino: crostoli
- In Veneto: galani e gale
- In Piemonte: bugie


Un po' di storia...

Sembra che già nell'antica Roma si preparassero le chiacchiere, i cui antenati potrebbero essere le frictilia, dei dolcetti fritti nello strutto , che a Roma erano preparati in grandi quantità per durare per tutta la Quaresima. Le frictilia venivano vendute per strada da donne anziane cinte da una corona di edera, ed erano solitamente delle sfoglie di farina di farro, guarnite al miele. Le festività in cui venivano preparate le fractilia erano  le Liberalie, feste organizzate in onore del Liber Pater, un dio dei Romani, che proteggeva la fecondità di uomini ed animali. Durante le Liberalie, i ragazzi che compivano 16 anni erano iniziati al mondo adulto con una cerimonia in cui venivano offerte le Frictlia.

Come preparare le chiacchiere?
Ingredienti per 8-10 persone:
- 500 g di farina
- 50 g di burro
- 3 uova+1 tuorlo
- 70 g di zucchero
- 1 bustina di vanillina
- 5 g di lievito per dolci
- 60 g di zucchero
-  Un goccio di grappa
- 1 pizzico di sale
- Olio di arachidi per friggere
- Zucchero a velo per cospargere

 Procedimento:

Setacciate farina e lievito in una ciotola e praticate al centro una fontana, in cui metterete il burro morbido a pezzi, lo zucchero, le uova, il liquore, la vanillina ed un pizzico di sale. Impastate bene tutti gli ingredienti insieme fino a formare un impasto liscio ed elastico. Avvolgete la pasta in pellicola trasparente e lasciate riposare in luogo fresco per 30 minuti circa. Stendete la pasta con un mattarello o con la macchinetta per tirare la pasta, fino a raggiungere i 2 mm di spessore. Con una rotella taglia pasta, ricavate dei rettangoli di pasta di 5x10 cm. Praticate due tagli su ogni rettangolo, che siano paralleli al lato lungo. Fate scaldare abbondante olio in una padella, e friggete 2-3 chiacchiere per volta, per evitare che la temperatura dell'olio si abbassi troppo. Friggete le sfoglie da entrambi i lati finché  non saranno dorate. Ponetele a scolare su carta assorbente, e quando si saranno raffreddate cospargetele con zucchero a velo. 


 

 

 

 



Scopri gli altri articoli della Tribù!



Tecniche di cucina

Caffè frappè

Ecco la ricetta del freschissimo caffè frappè realizzata dal nostro barman. Per preparare velocemente questa deliziosa bevanda estiva non vi resta che seguire i nostri imperdibili consigli.

Commenta questo articolo

Grazie

Commentato da

io le faccio sempre ne va 60 gr, comunque dai50 ai 70 gr ma piuttosto anche le uova mi sembrano troppe...quelle medie io ne metto 2 + 1 tuorlo e poi 1/2 bicchierino di grappa o spumante o marsala secco e volendo limone grattuggiato

Commentato da

Scusate ma nelle dosi scrivete 70 grammi di zucchero e poi 60 grammi di zucchero. Siccome nellaricetta lo zucchero va inserito una volta sola (poichè poi dite zucchero a velo per cospargere) mi chiedevo quale era la misura corretta di zucchero? 60 gr, 70 gr o la somma dei due?
Grazie.

Commentato da

Morbida brioche al cioccolato senza burro né uova SEX OROSCOPO 2016: i consigli hot segno per segno