Menu Cerca una ricetta, una parola chiave, un ingrediente...

Lasandwich, il peggior tramezzino di sempre?

In gergo si chiama Lasandwich, ed è uno dei peggiori esperimenti culinari della storia!

 Lasandwich, il peggior tramezzino di sempre?

 

Come  suggerisce il nome si tratta di un sandwich alle lasagne.
Nonostante nessuno in Emilia-Romagna si sia mai azzardato ad accostare un panino alle lasagne, e' per mano di TESCO, importante catena di supermercati inglesi, che questo mederno frankestein ha preso forma e vita.

Lasandwich, il peggior tramezzino di sempre?

 

Lo scopo dichiarato è quello di contrastare la crescente popolarità dei wrap proponendosi come "un pranzo gustoso per giorni on-the-go, un morso veloce tra l'ufficio e la partita o come spuntino per la fame post-party". Facendo leva su di un'immagine 'Made in Italy' per rialzare le vendite della categoria.

 

Il Sandwich ha debuttato sugli scaffali inglesi nel 2010,  raccogliendo (naturalmente)  recensioni poche lusinghiere che lo definiscono "mal concepito" e ne paragonano gusto ed effetto a quello dei burger dei fast food. 

 

La buona notizia, comunque, è che il Lasandwich è stato concepito in 'edizione limitata' e non è quindi più presente sul mercato!

Ed ora, se volete ripassare cosa sia una lasagna vera, cercatela tra le nostre ricette ;)


Lasandwich, il peggior tramezzino di sempre?

 

Scopri gli altri articoli della Tribù!



Tecniche di cucina

Barrette di yogurt

Per preparare questo snack fresco e gustoso mescolate in una ciotola 2 vasetti di yogurt greco con 2 cucchiai di miele. Versate lo yogurt in uno stampo per plumcake ricoperto di carta da forno inumidita. Quindi aggiungete un po' di cocco essiccato, dei cranberries (o frutti rossi disidratati), della granella di nocciole, delle gocce di cioccolato e un kiwi o altra frutta di stagione. Lasciate riposare in freezer per 3-4 ore prima di servire tagliato a barrette.

Commenta questo articolo

5 maschere naturali fai da te per tutti i tipi di capelli Come ottenere dei glutei alla brasiliana in poche semplici mosse