Menu Cerca una ricetta, una parola chiave, un ingrediente...

La ricetta tradizionale delle lenticchie in umido

Sapori di Natale: La ricetta tradizionale delle lenticchie in umido
© Pinterest- papillesetpupilles


Le lenticchie in umido sono un piatto tradizionalmente natalizio, che non manca quasi mai nella tavola natalizia degli italiani. Si dice che mangiare le lenticchie a Natale porti fortuna per l'avvenire. Se preparate nel modo giusto, le lenticchie in umido sono un gustosissimo contorno, che, come tradizione vuole, va mangiato con il cotechino o lo zampone,ma si accompagna bene con i secondi piatti di carne in generale, soprattutto con gli arrosti.

Le lenticchie: Il legume più antico del mondo
Stando al ritrovamento di alcuni reperti fossili, sembrerebbe che le lenticchie siano il tipo di legume più antico coltivato dall'uomo: gli archeologi affermano di aver trovato tracce di coltivazioni di lenticchie già nel 7000 a.C in Asia e nella zona dell'attuale Siria.

Perché si dice che le lenticchie portano fortuna?
Le leggende raccontano che la forma tondeggiante delle lenticchie ricordava nell'antichità la forma delle monete d'oro. I Romani erano soliti regalare in dono una "scarsella" (una saccoccia di pelle per contenere le monete) piena di lenticchie, con l'augurio che potessero trasformarsi in denaro.

Un legume dall'alto potere nutritivo...
Chiamate anche la "carne dei poveri", le lenticchie sono ricchissime di proteine (25%), vitamine e sali minerali , carboidrati (53%) ed il 2% di oli vegetali, che ne hanno fatto effettivamente un cibo molto apprezzato in quanto altamente nutriente. Povere di grassi, ed essendo ricche di fibre, sono indicate per tenere sotto controlli i livelli di colesterolo. La vitamina PP contenuta nelle lenticchie le rende anche un equilibratore del sistema nervoso, favorendo la stabilizzazione dell'umore. Un aiuto naturale anche per chi soffre di anemia, grazie all'alta presenza di ferro nelle lenticchie. Se volete saperne ancora di più, leggete il nostro articolo sulle lenticchie ed i legumi secchi.

 


Quali sono i segreti per preparare delle perfette lenticchie in umido?

- Usate solo lenticchie secche ( fatte ammollare per 10-12 ore ): 
Sono più ricche di principi nutritivi e prive di conservanti. La scelta delle lenticchie in scatola è fortemente sconsigliata, anche perché essendo già cotte non avranno il tempo di assorbire il gusto degli altri ingredienti.

-Aggiungete il bicarbonato all'acqua di ammollo:
Ne basterà 1 cucchiaino per ogni litro di acqua. Sciolto in acqua, il bicarbonato facilita la cottura e al tempo stesso scongiura il distaccamento della buccia, rafforzando la superficie delle lenticchie.

-Aggiungete il brodo caldo a mestoli:
Questo consentirà alle vostre lenticchie di cuocere gradualmente, senza impregnarsi troppo di liquido, né attaccarsi al fondo della pentola, sfaldandosi.

- Non mescolate qualità di lenticchie diverse:
Ogni tipo di lenticchia ha il proprio tempo di cottura, dunque è assolutamente vietato mescolare i vari tipi di lenticchie nella stessa preparazione.

- Salate solo a fine cottura: 
Il sale tende infatti a favorire la disintegrazione della buccia delle lenticchie, spiacevole da sentire in bocca. Salate solo 5 minuti prima di spegnere.

- Usate polpa di pomodoro di buona qualità:
Se la polpa di pomodoro è di scarsa qualità potrebbe rovinare le vostre lenticchie, rendendole acide. Usate solo polpa di pomodoro di ottima qualità (sarebbe preferibile utilizzare sugo di pomodoro preparato in casa).

Eccoci pronti a preparare la ricetta PERFETTA delle lenticchie in umido!

Ingredienti per 4 persone: 

- 400 g di lenticchie secche (lasciate in ammollo per 10 ore)
- 1 carota sminuzzata
- 1 costola di sedano
- 400 di polpa di pomodoro
- 1 foglia di alloro
- 1 cipolla
- 1 spicchio di aglio

Procedimento:
Lavate le lenticchie due volte in acqua fredda (per eliminare eventuali sassolini). Mettetele in una ciotola di vetro piena di acqua con 1 cucchiaino per ogni litro d'acqua. Lasciate in ammollo per 10 ore circa, senza comunque superare le 12 ore. In una casseruola capiente versate  un bel giro d'olio extravergine d'oliva, fatelo scaldare ed unite la cipolla tritata, l'aglio intero e l'alloro. Fate soffriggere per 2 minuti,poi unite anche la carota ed il sedano tritati. Se tende ad attaccare, unite al soffritto una tazzina di acqua calda. Dopo 10 minuti aggiungete le lenticchie scolate, mescolate bene e fate cuocere 5 minuti prima di unire anche la polpa di pomodoro ed 1 bicchiere di brodo caldo. Quando le lenticchie iniziano a bollire mettete il coperchio e mescolate di tanto in tanto. Dovranno cuocere per un'ora circa. Se vedete che il sugo tende a restringersi troppo, unite un mestolo di brodo al bisogno. Poco prima di spegnere togliete il coperchio e lasciate asciugare l'eventuale restante liquido di cottura, ma non troppo (tenete conto che le lenticchie si asciugano molto anche dopo la cottura, mentre si raffreddano).

Scopri gli altri articoli della Tribù!



Tecniche di cucina

Come preparare il coleslaw

Il coleslaw è un'insalata popolare nell'America del Nord, e consiste in cavolo cappuccio grattugiato, mescolato a carote grattugiate e cipolle. Esistono numerose varianti di questa ricetta, che includono altri ingredienti, come ad esempio il cavolo rosso, l'emmental grattugiato, ed a volte anche ananas o mela a pezzetti. Gli olandesi che hanno fondato lo stato di New York coltivavano cavoli nelle vicinanze del fiume Hudson e li preparavano sotto forma di insalata di cavoli grattugiati, chiamata "koolsa" ("kool" significa  "cavolo", e "sla" significa "insalata"). Per sarne di più sul coleslaw, leggete il nostro articolo (clicca qui). Seguite la nostra video ricetta per imparare a preparare questa insalata incredibilmente gustosa.




Commenta questo articolo

Ad ogni piatto il suo CONTORNO: 10 idee per Natale Prova i DATTERI RIPIENI per un concentrato di dolcezza