Menu Cerca una ricetta, una parola chiave, un ingrediente...

Lievito chimico, lievito di birra e lievito madre: quali differenze?

 

Il lievito in cucina è l'ingrediente magico per preparare i dolci, le pizze e il pane fatto in casa. Esistono diversi tipi di lievito, divisi in due categorie: quello chimico e quello naturale.
Ogni tipo di lievito ha le sue proprietà, e viene utilizzato per preparare cose differenti. E allora, come distinguerli? Perché differenziarli? Scioglieremo ogni vostro dubbio sui diversi lieviti. 

 

Il lievito chimico


Chiamato anche lievito in polvere o lievito per dolci, è generalmente venduto in bustine da 16 grammi ed è il lievito che si usa per far lievitare i dolci, ma anche i pancakes, le crèpes americane che si gonfiano durante la cottura, arrivate anche in Italia.
Il lievito chimico in inglese si chiama "baking soda". 
Esso produce una reazione chimica quando si trova a contatto con ingredienti umidi, quali le uova o il latte che mettiamo nella pasta per preparare il dolce. 
Sotto l'azione del calore, il lievito chimico rilascia dell'anidride carbonica che fa lievitare la pasta. E' un fenomeno che si produce solo all'inizio, quando abbiamo messo da poco il dolce nel forno. Dopo, man mano cheil dolce cuoce, la pasta diventa troppo pesante per poter lievitare correttamente.
Il lievito chimico è composto da 3 elementi: bicarbonato di sodio, cremor tartaro e fecola di patate o amido di mais.
Il bicarbonato di sodio è l'agente lievitante che a contatto con umidità e calore rilascia l'anidride carbonica che permette alla pasta di lievitare. Il cremor tartaro è una componente acida che accelera il rilascio dell'anidride carbonica e che elimina il sapore amaro che potrebbe essere rilasciato dal bicarbonato. Infine, la fecola o l'amido di mais è una componente neutra, che rallenta l'agente lievitante, in modo che nn agisca troppo rapidamente, permettendo una lievitazione più stabile ed omogenea.

Se il lievito chimico è stato ben dosato al momento della sua fabbricazione, quando lo utilizziamo per preparare i dolci esso non rilascerà nessun retrogusto e sarà perfettamente insapore.
Per aggiungerlo in modo uniforme, l'ideale è di mescolarlo alla farina prima di incorporarvi gli ingredienti umidi. 
Generalmente, per ottenere una buona lievitazione la proporzione è di 20 gr di lievito chimico per 1 kg di farina.

Il lievito chimico si conserva per diverso tempo, ma è bene verificare la data di scadenza stampata sulla bustina affinché esso non perda il suo potere lievitante.

 


Scopri gli altri articoli della Tribù!



Tecniche di cucina

Come preparare i bretzel

Il bretzel è una sorta di gustoso pane o brioche immerso in una soluzione di bicarbonato di soda, a forma di nodo o di braccia intrecciate e ricoperto di grani di sale grosso.  Originario della Germania del sud, il bretzel si è diffuso in Alsazia, in Svizzera, in Austria e negli Stati Uniti. Pensate che sia difficile prepararli? Vi sbagliate, vi basterà seguire il nostro video per imparare.   
Perché non accompagnare i vostri bretzel con uno di questi antipasti da fare con solo 3 ingredienti

 

Commenta questo articolo